Logiche e strategie omnichannel per unire negozio fisico e digitale.

 

Cercare di unire lo shopping on line e off line è l’obiettivo di numerose aziende e brand sul mercato.

Soprattutto per i retailer dotati di network, la parola chiave è diventata integrazione e omnicanalità, ovvero far vivere al consumatore all’interno del punto vendita una shopping experience esaustiva, che integra e prosegue coerentemente le esperienze fatte on line e quelle in corso.

 

In pratica l’adozione di una strategia di marketing che pone al centro il cliente e fornisce esperienze integrate e personalizzate su tutti i touch point.

 

Uno studio di SalesForce dimostra che il 79% dei clienti è disposto a condividere volentieri i propri dati e le proprie informazioni rilevanti, in cambio di una interazione personalizzata che faccia loro sentire l’azienda attenta ai propri bisogni.

 

Lo stesso studio dimostra inoltre che l’80% dei clienti dichiara che l’esperienza vissuta durante la customer journey ha la stessa importanza dei prodotti o servizi che l’azienda propone.

Sono dati che ci devono fare riflettere, se vogliamo attuare una strategia di marketing omnicanale.

 

Grazie alle tecnologie digitali fornite per esempio dai totem a touchscreen o da chioschi self-service abilitati alle transazioni di pagamento, molte aziende forniscono una esperienza unica e continuativa, che inizia on line e prosegue nel punto vendita o viceversa, e che dà modo di raccogliere dati utili per il marketing, lo stoccaggio e le previsioni di vendita. Un discorso che vale anche per i servizi, come per esempio il caso di MSC a bordo delle sue navi da crociera.

 

 

 

 

Per altre aziende si è dimostrato vincente l’uso del digital signage. In tal caso vediamo l’uso di display di grandi dimensioni pilotabili in rete, con specifico scopo di inviare contenuti e call to action al consumatore.
Una strada questa che permette di definire degli hot spot all’interno delle varie zone dello store, dove poter comunicare il giusto messaggio, al giusto target, nel momento giusto.

 

In questo senso il digital signage all’interno del punto vendita genera una molteplicità di vantaggi che meritano uno studio attento.

 

Secondo i dati  Asus / Nielsen, il digital signage assicura:

 

  • 400% visualizzazioni in più rispetto alla cartellonistica
  • 33% di vendite aggiuntive per i brand che usano il DS (digital signage) in store
  • 70% il pubblico raggiunto dal digital signage
  • 35% e oltre la riduzione di percezione del tempo di attesa nel pdv
  • 32% di crescita aggiuntiva alle vendite
  • 63% delle persone affermano che il Ds cattura la loro attenzione

 

 

Alcuni esempi applicativi

Oggi sono riscontrabili molti e differenti impieghi del DS, e ciò è ovviamente legato ai differenti obiettivi che si intendono raggiungere. Vediamo alcuni casi.

 

Possiamo trovare totem o display posti in prossimità del negozio con contenuti e messaggi coinvolgenti studiati per il “drive to store”, ovvero per invogliare i consumatore a varcare la soglia.

 

In altri casi troviamo una strategia promozionale che si esplica mediante totem di grandi dimensioni che mostrano un Qr code e una call to action finalizzata a scaricare un buono sconto o a partecipare ad una estrazione.

Ovviamente sono iniziative finalizzate all’acquisizione del dato in negozio, dato  che andrà ad unirsi a quelli raccolti on line per supportare iniziative di email marketing.

 

Un’applicazione di successo in termini di ritorno dell’investimento, è il posizionamento nel negozio  di totem digitali per la consultazione del catalogo digitale. Questo consente una esposizione più ricca di articoli, mostrati in modo chiaro e ben visibile. Una strategia che si rivela vincente se offre anche al consumatore la possibilità di ordinare direttamente sul display touch, lasciandogli decidere la modalità di consegna.

Vedi per esempio il nostro Kiosk Virtual Salesman, un sistema che fa da “trait d’union” tra on line e offline e che si è rivelato idoneo e utilizzato  anche dal consumatore medio, forse meno digitalizzato e pur sempre frequentatore di negozi.

 

Una modalità intelligente che permette al retailer di ampliare l’offerta nel punto vendita riducendo gli stock, e di raccogliere dati per migliorare ulteriormente le proprie strategie di marketing e di vendita.

 

Ovviamente ogni singola applicazione si inserisce in un disegno più ampio di raccolta e gestione dei dati per analytics di rilievo e per la profilazione sempre più accurata all’interno del proprio CRM.

 

Se desideri maggiori informazioni, parla con un nostro specialista allo 0131.250.313
Piu di vent’anni nel settore, ci permettono di  affiancarti nella definizione della migliore strategia, per progetti omnicanali efficaci.

 

 

 

 

Condividi su:
Pubblicato in Benvenuti!, customer journey, digital signage, omnichannel, totem multimediali | Commenti disabilitati su Logiche e strategie omnichannel per unire negozio fisico e digitale.

TAGS: , , ,